Arricciacapelli: guida all’acquisto dei migliori ferri

arricciacapelli scelta

L’arricciacapelli è uno di quegli strumenti particolarmente apprezzati dalle donne che hanno capelli mossi e vogliono definire la piega, o da chi liscia come la seta decide per un giorno di cambiare look. Appartenendo alla categoria dei capelli lisci, apprezzo molto l’arricciacapelli, ma proprio perché ho capelli naturali sottili e difficili da mettere in piega, capisco bene perché è fondamentale acquistare un buon prodotto. E tu a quale delle due categorie appartieni? In entrambi i casi se vuoi sapere tutto sul mondo dell’arricciacapelli, continua a leggere e non te ne pentirai!

Tipologie di arricciacapelli

Questi piccoli elettrodomestici creati per arricciare i capelli appartengono ad una vasta categoria, quella dei prodotti per la piega. Come indica il nome, il loro compito è di creare boccoli, onde o semplice volume. Esistono principalmente tre tipi di modelli:

  • Spazzola arricciacapelli;
  • Ferro arricciacapelli;
  • Arricciacapelli automatico.

Il primo modello come indica il nome somiglia molto ad una spazzola, la particolarità è il flusso di aria calda che emette. Dispone di diverse spazzole da utilizzare a secondo della piega che vuole ottenere.

Il ferro arricciacapelli è il classico, il modello composto da un tubo di diversa forma coperto da materiale riscaldante. Può essere liscio, a doppia o tripla onda, a spirale, conico e così via. È il modello più ricercato poiché più conosciuto.

L’arricciacapelli automatico è un modello di ultima generazione che sta facendo impazzire il popolo del web. Si tratta di un macchinario in cui s’inserisce una ciocca di capelli, e automaticamente vengono fuori i capelli già arricciati. Il marchio più famoso che produce questo modello è la BaByliss.

ferri arricciacapelli

Arricciacapelli professionale si oppure no?

Influenzate dalla moda, ma anche per gusto personale, i capelli mossi lunghi vanno per la maggiore tra le principali richieste di piega quando si va dal parrucchiere. Ciò non toglie che anche i capelli corti mossi non siano alla moda, anzi, con l’arrivo dell’estate l’effetto sbarazzino su tagli corti è particolarmente apprezzato.

Se non hai tempo di andare dal parrucchiere ogni volta che desideri una piega riccia o mossa, allora è giunto il momento anche per te di affrontare il tema arricciacapelli ed investire su un buon prodotto.

Il primo fattore da valutare quando si è in procinto per l’acquisto è il tipo di capelli. Capelli molto lisci richiedono un prodotto professionale, così da poter creare la perfetta piega soprattutto duratura.  In questo modo potrai trasformare i capelli in boccoli definiti o onde morbide a secondo della temperatura e del diametro del ferro.

Non è necessario optare per un modello professionale se hai naturalmente capelli mossi o ricci e vuoi solo definirli con l’aiuto dell’arricciacapelli. In tal caso puoi preferire modelli più economici. Tra i marchi più famosi, l’arricciacapelli Bellissima è uno dei più noti,se invece vorresti un ferro professionale con  tecnologia trizone allora dovresti prendere un ferro ghd curve.

 

Quali fattori considerare nella scelta dell’arricciacapelli?

Tre sono i fattori da considerare nella scelta dell’arricciacapelli, professionale oppure no che sia:

  • Temperatura
  • Diametro del ferro
  • Materiale di rivestimento

Temperatura

La temperatura, così come per la scelta della piastra lisciante, è uno dei fattori da considerare. Poterla regolare manualmente, ti aiuterà ad ottenere la piega che desideri.  La possibilità di regolare la temperatura deve essere presa in considerazione da chi ha i capelli lisci o sfibrati e da chi ha i capelli spessi.  Può essere invece non considerata da chi ha già i capelli mossi o ricci.  Il giusto intervallo di temperatura va dai 160 ai 230 gradi. Solitamente i modelli i cui non è possibile regolare i gradi, sono supportati da un sistema contro il surriscaldamento.

Diametro

Il diametro è un altro fattore da considerare e da scegliere a secondo della piega che desideri.  Questo vale sia per il modello classico che per le spazzole riscaldate.  Più il diametro del ferro diminuisce, più stretti vengono i ricci, quindi molto definiti. Man mano che il diametro aumenta, otterrai invece boccoli larghi che una volta pettinati creano l’effetto mosso e voluminoso.  Esistono modelli in cui è possibile scambiare il ferro presente in dotazione di diverse dimensioni. Solitamente però i modelli professionali non sono intercambiabili.

Per questo prima di acquistare l’arricciacapelli, leggi le istruzioni così da sapere quel diametro a che tipologia di riccio corrisponde. Per ottenere capelli mossi corti si consiglia l’uso di un ferro dal diametro che va dai 13 ai 19 mm, l’effetto finale è quello di una chioma “stile permanente” con boccoli molto stretti e ben definiti.

Aumentando il diametro tra i 20 e i 25 mm, l’effetto finale sono boccoli morbidi e naturali. Questo tipo di ferro si adatta sia per chi ha capelli lunghi, sia per chi li ha corti alle spalle. Pettinando i boccoli ottenuti, si ottiene un effetto naturale e un po’ disordinato.

Onde morbide si creano con ferri dal diametro dai 30 mm in su. Si adattano all’uso di capelli molto lunghi o almeno dalle spalle in giù. Sui capelli corti si otterrà invece un effetto volumizzato, con le punte in piega come un’onda morbida.  L’arricciacapelli extra large è ideale inoltre per capelli lisci naturali, definendo solo le punte e donando un po’ di volume.

Altra variante nella dimensione del ferro arricciacapelli è la forma. Ne esistono diverse:

  • Cilindrica
  • Conica
  • A “bolle”
  • Spirale
  • Triferro

La forma cilindrica è solitamente accompagnata da una pinza che serve per bloccare la ciocca di capelli durante l’arricciatura.

Materiale di rivestimento

Proprio come la piastra arricciacapelli (ricordiamo che si tratta di una piastra lisciante con gli angoli esterni delle piastre non protette usate per creare una piega morbida ad onde), anche il ferro per capelli può essere realizzato in diversi materiali. Parliamo dall’impugnatura; questa è creata solitamente in gomma e plastica, così da non condurre calore e proteggere il manico dal surriscaldamento. Il ferro in se per se invece può essere coperto con:

  • Ceramica
  • Tormalina
  • Acciaio

La ceramica è il materiale migliore, poiché distribuisce in modo omogeneo il calore.  È il materiale scelto solitamente per prodotti professionali e spesso è abbinata ad altre tecnologie, come il rilascio di ioni caricati negativamente per bloccare l’effetto cresco e migliorare la qualità della piega.

Arricciacapelli a spazzola

La spazzola arricciacapelli è una nuova visione del classico ferro. Ha il suo perché e in questo paragrafo scopriremo quando può tornare utile.  Questo modello è composto da una base su cui è presente ferro di forma cilindrica da cui fuoriescono setole di diverse dimensioni e lunghezza. La caratteristica peculiare è l’aria che viene soffiata verso l’esterno. Tale modello è molto utile poiché è possibile utilizzarlo direttamente sui capelli bagnati, accorciando così i tempi di messa in piega.  La temperatura dell’aria anche in tal caso può essere regola (solitamente in tre misure).

Le spazzole arricciacapelli sono nella maggior parte dei casi vendute con spazzole intercambiabili tra loro, così da poter creare più tipologie di ricci con un solo prodotto.  Arricciare i capelli in questo modo è facile: basta arrotolare la ciocca attorno la spazzola e rilasciarla in modo lento.

Arricciacapelli automatico BaByliss

L’arricciacapelli della BaByliss è uno degli ultimi modelli entrato a far parte del settore beauty.  Non parliamo del solito ferro per capelli o della piastra arricciacapelli. È un attrezzo a se, che risucchia al suo interno i capelli, avvolgendoli e riscaldandoli finché non viene fuori una ciocca riccia. Quando l’ho visto la prima volta in azione, m’incuteva un po’ di timore. La prima domanda che mi sono posta è stata: metti caso s’impigliano i capelli li dentro che faccio? Taglio tutto? E questo rumore da dove proviene?

Una volta utilizzato, le paure mi sono passate. Il modello di preciso si chiama BaByliss pro perfetc curl e rispetto agli anni passati, il prezzo è diminuito di molto. Lo consiglio a chi è svogliata e si scoccia di dover impiegare molto tempo per la piega o chi non riesce a gestire bene il ferro.

Questo modello funziona facilmente. Basta dividere i capelli in ciocche ben definite, aprire l’apparecchio inserire una ciocca, chiudere con una leggera pressione e attendere dagli 8 ai 12 secondi, a  seconda del riccio che si vuole ottenere.

Arricciacapelli: deciso quale acquistare?

Se sei in procinto di acquistare un arricciacapelli, valuta bene le caratteristiche e cosa più importante quale effetto vuoi ottenere. Ricorda, per ogni piega c’è il modello adatto, e il migliore è quello che ti fa sentire a tuo agio nell’utilizzo e che porta a termine le tue aspettative!

Leave a Reply